IPOSTORIE | Quella bambola “infetta”

Soffro di ipocondria da tanti anni.

Credo di aver fatto quasi qualsiasi tipo di esame diagnostico rivelatosi poi, per fortuna fino ad oram sempre negativo.
Mia madre fa risalire la mia ipocondria ai tempi della scuola materna. Ci fu un periodo nel quale si verificarono tanti episodi di malattie esantematiche: sesta malattia, morbillo e varicella. Ero convalescente dalla seconda che mi ero beccata nel giro di poco tempo quando i miei genitori mi regalarono una bambola con le trecce, i capelli rossi e tutta piena di lentiggini. Appena la vidi, convinta che fosse ammalata di qualcosa e me lo potesse attaccare, iniziai a urlare come una pazza e a correre per tutta casa.

Naturalmente la bambola “infetta” fu fatta immediatamente sparire.

Da una testimonianza di Silvia Ciani Vespignani Liverani

Tagged , , , , , , , , , ,

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *